23 marzo 2012

POLPETTE DI PANE

A me sono sempre piaciute tanto le ricette povere della tradizione. In questi tempi dove si fa tutto di corsa, dove la famiglia forse è la cosa meno importante per la maggior parte delle persone, io mi ritrovo spesso a pensare come era bello prima, quando non si avevano tante cose, quando i bambini non avevano tanti giocattoli e si davano da fare inventarsi dal nulla i propri giochi! Anche gli adulti non sono da meno! Sempre presi e affascinati da tutto ciò che è tecnologico ed innovativo. Lo riconosco, anche io subisco il fascino del tecnologico, ma dovremmo fermarci tutti un attimo a pensare fino a quando potremo andare avanti così. Anche in cucina, con la nouvelle cousine, si sperimentano nuovi piatti e accostamenti, a volte, a dir poco azzardati. Ed ecco che torniamo all'inizio del discorso...Perchè non cerchiamo di riscoprire le ricette delle nostre nonne? Perchè non cerchiamo di preparare piatti semplici nella nostra quotidianità? Forse staremmo tutti meglio e anche più in linea. Mi rendo conto che tutti, troppo spesso, spendiamo cifre pazzesche per reperire alimenti che poi magari non ci piacciono neppure. Quante volte io stessa mi dicevo che dovevo andare a fare la spesa, perchè non avevo nulla per far da mangiare? Da un po' ho deciso di evitare di fare la spesa troppo spesso e di riuscire a preparare pietanze buone e sane con quello che ho a disposizione in frigo e in dispensa. Le nostre nonne e mamme, quando i tempi del benessere e del consumismo non si conoscevano ancora e non si immaginavano neppure, non preparavano piatti prelibati e gustosi con pochi ingredienti poveri o solo con quello che rimaneva in casa? Da questo e dai racconti, oltre che dai miei ricordi di bambina, sto cercando di rifare e riproporre a casa mia dei piatti semplici e poveri che forse risultano più gustosi di tanti cibi moderni a cui i nostri ragazzi, e forse anche noi, siamo abituati. Mi sa che questa volta mi sono lasciata trascinare troppo dai miei pensieri e ho divagato un po', ma ogni tanto mi piace perdermi nei miei pensieri e oggi ho voluto rendervi partecipi di queste mie divagazioni. Queste polpette che vi propongo oggi servivano per utilizzare ciò che rimaneva in casa e che altrimenti rischiava di essere buttato via perchè diventava brutto. Sto parlando del pane troppo duro per essere mangiato, del formaggio ormai secco che andava grattugiato e se non c'era il formaggio se ne faceva a meno, di qualche altro ingrediente sul punto di non poter essere consumato tal quale a cui aggiungere le uova che costano, da sempre, molto poco rispetto a carne e pesce, ma sono altrettanto nutrienti. In più, nel passato, spesso le famiglie avevano una o due galline che allevavano per le uova e poi quando non erano più buone per fare uova, ahimè, per fare un buon brodo. Ma basta con le chiacchiere ...ora vi spiego come farle!


INGREDIENTI:
  • pane vecchio e secco
  • formaggio grattugiato (io ho usato del pecorino romano)
  • uova
  • aglio
  • salumi rimasti in frigo qualunque altra cosa vogliate aggiungere (io ho usato delle fettine di prosciutto di praga)
  • olio di semi di arachidi o di girasole per friggere

PREPARAZIONE:

Ammollare il pane nell'acqua, il latte era troppo prezioso per usarlo in questo modo. Strizzarlo bene e sbriciolarlo in una ciotola. Aggiungere il formaggio grattugiato, l'aglio tritato e quello che più vi piace o ciò che vi è rimasto in frigo. Mescolare un po' e aggiungere le uova sufficienti ad ottenere un composto compatto, ma morbido, leggermente appiccicoso, con cui fare delle polpette ovali con le mani bagnate, se non fossero bagnate passereste un bel po' di tempo a cercare di staccarvi le polpette dalle mani! 


Far riscaldare molto bene l'olio in una padella e friggere le polpette man mano che le fate, rigiratele spesso fino a quando non sono ben dorate da ogni lato. Se vi piace potete anche metterle in un sugo di pomodoro con cui poi potrete condire la pasta. A me piacciono in ogni modo.


Con questa ricetta partecipo al contest "Le ricette della carestia" del blog I Pasticci di Luna per la categoria "ricetta antica".

21 commenti:

  1. Anonimo17:39

    buone e brava Alessandra adoro le polpette :D Berta

    RispondiElimina
  2. che grandiosa idea! mi piacciono un sacchissimo queste polpettine!

    RispondiElimina
  3. Mi piacciono un sacco le ricette povere della tradizione italiana...queste polpette sono buonissime!

    RispondiElimina
  4. e che polpette siano!!! ^^

    RispondiElimina
  5. hai proprio colto lo scopo del mio blog! Brava Ale! E brava anche per questa bella ricetta, le polpette di pane le faccio anch'io però in modo diverso (al sugo). in bocca al lupo e grazie!

    RispondiElimina
  6. Ciao, scopro così che oggi io e te abbiamo fatto un ragionamento piuttosto simile nei nostri post, tu perchè hai postato una ricetta 'della carestia', io perchè ne ho postato una 'azzardata' e non è mia abitudine visto che amo la tradizione. Comunque le polpette sono sempre squisite, si può 'impolpettare' qualsiasi cosa e sarà sempre (o quasi sempre) buonissima. Buon week-end. :)

    RispondiElimina
  7. Diciamo che buone non rende abbastanza l'idea di quanto lo siano!!!!!! ^__^

    RispondiElimina
  8. le faccio anche io con tanti formaggi diversi, questa versione la proverò la prossima volta, sembra molto gustosa! buon fine settimana....

    RispondiElimina
  9. Queste sono tra le mie preferite, me le faceva sempre la mamma da bambina :)

    RispondiElimina
  10. Sarà che sono "rustica" dentro ma preferisco di gran lunga le ricette della nonne a quelle super raffinate dei ristoranti a 5 stelle. E con queste polpette, come si suo dire...farei Pasqua ^_^ Un bacione, buona domenica

    RispondiElimina
  11. devo ammettere che non ho mai assaggiato le polpette di pane ma sono da provare assolutamente!!!!!!

    RispondiElimina
  12. mai fatte, di solito con il pane faccio gli gnocchi, ma mi hai dato un'ottima idea per cambiare. un bacione

    RispondiElimina
  13. Belle e sicuramente buone, adoro le ricette di recupero, anche perché ogni volta sono diverse e sempre più buone!!!

    RispondiElimina
  14. Sai che non ho mai provato le polpette di solo pane? di solito aggiungo sempre un pò di carne trita proverò!:*

    RispondiElimina
  15. Ho sempre tritato i salumi nelle polpette... e invece quei pezzettoni di prosciutto trovo siano particolarmente invitanti, proprio una ricetta della nonna, da copiare!

    RispondiElimina
  16. bravissima! una ricetta del recupero fantastica! buona serata!

    RispondiElimina
  17. buone devo provarle il pane resta sempre in casa :)

    RispondiElimina
  18. la mia mamma le fa spesso...sono straBuone!!

    RispondiElimina
  19. io le faccio sempre, sono una cosa normale, il pane avanza sempre e poi è anche quello fatto in casa, non si può buttare, e allora polpette e anche i dolci...

    RispondiElimina
  20. ops....non trovavo più questa ricetta....meno male che sono riuscita a ripescarla. Ho proprio da usare qualche ingrediente che mi chiama dal frigo (leggi pezzi di formaggio e salumi!)

    RispondiElimina
  21. Grazie a tutti delle belle parole che avete sempre per me!

    RispondiElimina

Lasciami il tuo parere, mi farà piacere sapere cosa pensi ...
Chiedi pure quello che vuoi e sarò felicissima di risponderti!

Condividi

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...