27 settembre 2013

PETIT MADELEINE

Che vi devo dire sulle madeleine? Quello che dicono tutti? Che sono i dolcini francesi cari a Marcel Proust ne Alla ricerca del tempo perduto? Ecco l'ho detto pure io!
Di certo vi posso dire che mi ricordo la prima volta che le ho mangiate da bambina ... non mi sono affatto piaciute! Per la verità non ero una bimba a cui piacesse mangiare e quindi il mio giudizio dell'epoca non fa testo. Per fortuna crescendo i miei gusti si sono allargati ed ora mi piacciono tantissime cose, ahimè, oserei dire! Ma torniamo alle nostre madeleine. Sono i dolcetti dalla tipica forma a conchiglia con la gobbetta, ideali per accompagnare una tazza di tè o di tisana. 


Morbidi e profumati, si conservano perfettamente per qualche giorno in una scatola di latta. Quando li fate la cosa importantissima e preparare l'impasto e metterlo in frigo minimo per un'ora.
Mi raccomando, va tenuto in frigo! Non pensiate di poter evitare questo passaggio altrimenti la classica gobbetta non vi verrà. Lo dico per esperienza. Più tempo tenete l'impasto in frigo, meglio vi verranno le madeleine, potete tenerlo perfino una notte intera! Ovviamente vi servirà l'apposito stampo per farle, ottimo sia quello per le madeleine grandi che quello per le petit madeleine come il mio e potranno essere antiaderenti o in silicone. Io ho usato uno stampo in silicone Silikomart.

     tovaglia Amo la casa

INGREDIENTI:
  • 150 g di farina 00
  • 150 g di zucchero semolato
  • 100 g di burro
  • 3 uova intere
  • 2 cucchiai di miele di arancio (Rigoni di Asiago)
  • aroma di mandorle
  • 1/2 cucchiaino scarso di sale fino
  • 1/2 cucchiaino di lievito per dolci

PREPARAZIONE:
Montare a crema ben gonfia le uova con lo zucchero e il miele. Aggiungere poi la farina, il lievito e il sale, setacciati insieme, mescolando delicatamente con una spatola. Infine aggiungere il burro fuso e fatto raffreddare. Coprire la ciotola con la pellicola e porre in frigo almeno per un'ora, di più è meglio, poichè, vi ripeto, è lo shock termico che farà venire la tipica gobbetta alle madeleine. Dopo il riposo in frigo, riempire le conchette dello stampo per cica 2/3 della profondità, non di più e infornare in forno preriscaldato a 200° per circa 8 - 10 minuti, a fine cottura devono risultare dorate. Regolatevi ad occhio e in base al vostro forno. Lasciate raffreddare un paio di minuti prima di sformare. Io con queste quantità ho fatto circa una decina di infornate, il mio è uno stampo da petit madeleine da 15 posti.

18 commenti:

  1. ... io invece da bambina le adoravo!La mamma me le dava sempre come merenda da portare a scuola, che ricordi, quanto amore!Mi piace moltissimo l'aggiunta del miele d'arancio <3 Buon we!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono lieta di aver rievocato anche in te ricordi d'infanzia!

      Elimina
  2. Con il miele li trovo squisiti. Io adoro le madeleine, sono delicati e leggeri. Mi piacciono troppo!!!!

    Ti seguo su bloglovin

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il miele nei dolci mi piace molto!

      Elimina
  3. Sono meravigliose!!! bravaaa

    RispondiElimina
  4. quanto mi piacciono, ti sono venute benissimo! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  5. ho anche lo stampino, li voglio provare !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi sembra di capire che tu non abbia mai usato quello stampino!

      Elimina
  6. Che buone le tue madeleines , mi piace il tuo toicco personale . Un abbraccio, buona giornata Daniela.

    RispondiElimina
  7. Sono meravigliose!!! Ti sono venute anche con la gobbetta! Che spettacolo!

    RispondiElimina
  8. Che buone le madeleines! Ricordo che anni fa, girai tanto per trovare lo stampo, e una volta fatt erano buonissime. Le tue sono perfette, mi hai fatto venire voglia di farle. Un bacio

    RispondiElimina

Lasciami il tuo parere, mi farà piacere sapere cosa pensi ...
Chiedi pure quello che vuoi e sarò felicissima di risponderti!

Condividi

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...