1 ottobre 2013

RICETTA BENEDETTO

Il benedetto...non pensate io sia impazzita o che oggi vi voglia parlare di qualcosa di clericale. Il benedetto è un'antica ricetta della tradizione barese, il tipico antipasto del pranzo di Pasqua che non deve mancare sulle tavole dei baresi. Io mi chiedo sempre il perchè determinati piatti si facciano solo per un preciso giorno. Se un piatto è buono io lo faccio quando mi va. Ecco perchè oggi vi propongo il benedetto. 
Non c'è una ricetta precisa e codificata. Ogni famiglia compone questo piatto secondo le proprie abitudini, ingredienti fondamentali e necessari per il benedetto sono la ricotta, l'arancia e la soppressata. L'arancia può essere bionda o rossa, la ricotta può essere vaccina, di bufala o di pecora e la soppressata dolce o piccante, l'importante è che gli ingredienti siano di ottima qualità. Per questo io uso sempre soppressata di Calabria DOP, leggermente piccante, che dona al piatto un gusto molto particolare. In più usando un prodotto DOP sono sicura di cosa porto in tavola, poichè dietro quel marchio c'è la certezza del controllo da parte del Consorzio di Tutela dei Salumi di Calabria DOP e dell'ISIT
Il benedetto che vi propongo è una versione leggermente riveduta nella presentazione con l'aggiunta di granella di mandorle che aggiungono una nota croccante al piatto.


INGREDIENTI:
  • 1 arancia bionda
  • 1 fuscello piccolo di ricotta di bufala
  • 1 soppressata di Calabria DOP
  • un po' di granella di mandorle

PREPARAZIONE:

Pelare a vivo l'arancia e tagliarla a fette spesse circa 1 cm. Spellare la soppressata e tagliarla a fette spesse 1/2 cm. Mettere la ricotta in una ciotola, lavorarla con una forchetta fino a ridurla in una crema liscia ed omogenea e riempire con questa crema una sac a poche con una bocchetta a stella. Incominciare ora a comporre il benedetto direttamente nel piatto di portata. Creare delle torrette con una fetta di arancia, sopra porre una fetta di soppressata e terminare con un ciuffo di ricotta. Cospargere con la granella di mandorle e porre in frigo per una mezz'oretta. Servire ben freddo.

17 commenti:

  1. Bella questa versione monoporzione di Benedetto... Hai fatto due Benedettini! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bella questa dei benedettini! :D

      Elimina
  2. oddio ale com'è sciccoso :) sembra delizioso e son sicura che lo sia stato davvero! :)

    RispondiElimina
  3. semplice ma gustosa, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. credo che più sono semplici e più sono graditi!

      Elimina
  4. alessandra ma lo sai che non conoscevo questo benedetto????
    :)
    troppo incasinata scusami per non passare ma non ho più tanto tempo

    RispondiElimina
  5. Ho conosciuto questa usanza da quando sono a Bari, l'ho subito adottata, ora non manca mai, accompagnato dai Taralli col Pepe tarantini

    RispondiElimina
  6. mai conosciuta questa usanza ma meno male che le blogger stanno promulgando le usanze dei loor paese,sappiamo che la cucina fa unione,intorno ad un tavolo nascono congflitti e amori e amiciizie,questa tua usanza mi è nuova sicuramente buona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai ragione, è bello condividere e conoscere le tradizioni di altre zone, perchè spesso si trovano delle ricette stupende!

      Elimina
  7. Una bella ricetta e una fantastica presentazione . Un abbraccio, Daniela.

    RispondiElimina
  8. non lo conoscevo, ma è molto stuzzicante e tu lo hai presentato benissimo.

    RispondiElimina
  9. Ma pensa, non conoscevo questa tradizione del "benedetto". Un post non solo goloso , ma molto interessante.

    RispondiElimina

Lasciami il tuo parere, mi farà piacere sapere cosa pensi ...
Chiedi pure quello che vuoi e sarò felicissima di risponderti!

Condividi

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...