7 maggio 2015

PAELLA VALENCIANA - a modo mio

La paella valenciana l'ho preparata tanto tempo fa e solo di recente mi sono resa conto di non averla ancora messa qui sul blog. 
Se parliamo di paella ci viene subito in mente la Spagna, ma la la paella è originaria di Valencia.
Il nome paella deriva dalla parola latina "patella" che vuol dire padella. Infatti questo piatto si cucina tradizionalmente il una padella di ferro a bordo basso e con due manici chiamata paellera.
Come tutte le ricette popolari tradizionali non ce n'è una precisa, ogni famiglia ha la sua ricetta che comunque varia in base a quello che si trova in casa in quel momento. La paella nasce infatti nelle case più povere dove si arrangiavano con gli avanzi di carne che raccoglievano nelle cucine dei ricchi a cui aggiungevano il riso e le verdure che avevano in dispensa. Ne veniva fuori un piatto unico e saporito come tanti piatti popolari che le donne erano in grado di preparare davvero con pochissimi ingredienti poveri a disposizione. La ricetta tradizionale prevede l'uso della carne di pollo e di coniglio. Io ho preferito usare pollo e maiale, poichè qui a casa mia non gradiamo molto la carne di coniglio. Per il resto mi sono basata sulla paella valenciana che ho mangiato a Valencia e sulle ricette avute da amici spagnoli.

PAELLA VALENCIANA

INGREDIENTI:
  • 400 g di riso Arroz Bomba o, in mancanza, vialone nano
  • 200 g di petto di pollo a dadini
  • 200 g di carne di maiale a dadini
  • 3 spicchi di aglio
  • sale q.b.
  • olio evo q.b.
  • peperoncino q.b. 
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • 1 cucchiaio di curcuma
  • 1 cucchiaio di paprika dolce
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • 1 bustina di zafferano, possibilmente in fili
  • 1/2 peperone rosso
  • 1/2 peperone giallo
  • 1 manciata di fagiolini
  • 2 carciofi
  • 950 g circa di acqua tiepida
PAELLA VALENCIANA1

PREPARAZIONE:

Rosolare gli spicchi d'aglio sbucciati in una padella con 3 cucchiai di olio. Quando è dorato versare tutto in un mortaio, aggiungere il prezzemolo lavato ed asciugato e ridurre tutto in poltiglia. Aggiungere ora la curcuma, il peperoncino, la paprika e i pistilli di zafferano tenuti in pochissima acqua tiepida per almeno 30 minuti. Continuare a pestare e aggiunger il vino, mescolare bene e lasciare macerare tutto. 

PAELLA VALENCIANA2

Intanto pulire i carciofi, ridurli a spicchi e sbollentarli in acqua con un  po' di farina per non farli annerire. Spuntare i fagiolini e tagliarli a pezzetti lasciandone 3 o 4 per decorare il piatto finito e sbollentare anche questi. Tagliare a dadini i peperoni lasciando dei filetti di entrambi i colori interi, sempre per decorare la paella finita.
Prendere la paellera o un'altra padella purchè non sia antiaderente,perchè la caratteristica della paella è che, a cottura ultimata, deve essersi attaccata al fondo della padella, versare l'olio fino a coprire tutto il fondo, bisogna essere generosi. Far riscaldare e aggiungere i peperoni a dadini e la carne. Far rosolare bene, aggiungere i fagiolini e il contenuto del mortaio. Mescolare bene, aggiungere anche i carciofi tenendo da parte qualche spicchio per la decorazione. Aggiungere ora il riso, mescolare bene per insaporirlo, versare tutta l'acqua, regolare di sale, mescolare ancora e cuocere a fiamma bassa per 25 minuti circa. Intanto in una padella rosolare con poco olio i filetti interi di peperone. Controllare la cottura del riso prima di togliere dal fuoco. Come detto prima, la paella e cotta al punto giusto quando risulta appena attaccata al fondo della padella. Decorare la paella con i filetti di peperone, gli spicchi di carciofi e i fagiolini interi. Servire portando a tavola la paellera da cui ogni commensale si servirà con un cucchiaio.

8 commenti:

  1. buona, fa tanto estate !

    RispondiElimina
  2. io ho provato diverse paelle e sinceramente non saprei scegliere, mi piacciono tutte. La tua versione è molto interessante, bravissima!!!

    RispondiElimina
  3. buonissima, mi ricorda i tempi dell'università in spagna

    RispondiElimina
  4. Da tempo che non la mangio, mi hai fatto venire voglia.

    RispondiElimina
  5. Ma che delizia, questa paella a modo tuo mi piace proprio!

    RispondiElimina
  6. Che spettacolo questa paella! Un tripudio di colori, profumi e sapori!

    RispondiElimina
  7. Che meraviglia la tua paella , ricca , saporita e golosissima . Un abbraccio, Daniela.

    RispondiElimina
  8. UN ghiottissimo piatto unico, ottima la tua versione, complimenti!!!!

    RispondiElimina

Lasciami il tuo parere, mi farà piacere sapere cosa pensi ...
Chiedi pure quello che vuoi e sarò felicissima di risponderti!

Condividi

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...