2 ottobre 2015

RICETTA CIABATTINE DI SEMOLA E FARINA CON PASTA DI RIPORTO DI LIEVITO MADRE

Le ciabattine di semola e farina con pasta di riporto di lievito madre sono state una sorpresa pure per me. 
Ogni tanto ripenso ai racconti di mia nonna e mia madre che mi raccontavano di quando il pane si faceva sempre in casa e si conservava sempre un pezzetto di impasto in una ciotolina coperta da un tovagliolo per usarlo dopo qualche giorno per impastare di nuovo il pane. "U lvat", mia nonna lo chiamava così. 
Qualche sera fa ho fatto le pizze e mi è rimasto un po' di impasto che avevo preparato con il mio Cirillino. Mi dispiaceva buttarlo via e l'ho messo in frigo pensando di farne una focaccina il giorno dopo. Invece è rimasto in frigo inutilizzato. 
La sera, allora, l'ho lasciato fuori dal frigo e la mattina dopo ho notato che si era acidificato un po'...la decisione è arrivata subito. 
Da qualche giorno avevo voglia di provare le ciabattine e ricordando la mia focaccia barese con pasta di riporto ho deciso di usare quella pasta rimasta per far lievitare le mie ciabattine
Detto così potrebbe sembrare molto complicato, ma non lo è affatto. L'uso della pasta di riporto è utile quando non si vuole sprecare neppure un pezzetto di impasto. Rispetto al lievito madre ha l'aggiunta della semola e soprattutto del sale, ma all'origine l'impasto da cui deriva ha solo lievito madre e non lievito di birra.

CIABATTINE DI SEMOLA E FARINA CON PASTA DI RIPORTO DI LIEVITO MADRE

INGREDIENTI:

  • 150 di pasta di riporto di lievito madre
  • 450 g di semola rimacinata
  • 15 g di farina 0
  • 2 cucchiaini di sale
  • 1 cucchiaino di malto d'orzo
  • 400 g circa di acqua tiepida 
  • 2 cucchiai di olio evo
PREPARAZIONE:

Nella ciotola della planetaria mettere la pasta di riporto, il malto e la metà dell'acqua tiepida. Lavorare col gancio a foglia fino a quando la pasta di riporto si è sciolta bene.
Aggiungere ora la semola e la farina e continuare a ad impastare aggiungendo piano piano l'acqua. Aggiungere anche il sale e l'olio, sostituire la foglia col gancio e continuare ad impastare fino ad incordare. L'impasto comunque deve risultare molto morbido e appiccicoso.
Far lievitare in una ciotola coperta da pellicola fino al raddoppio. Ho notato che, con la pasta di riporto, la lievitazione è più veloce che con il lievito madre. Io ho fatto lievitare per circa 6 ore.
Aiutandosi con un tarocco ribaltare l'impasto sulla spianatoia infarinata e dare 3 giri di pieghe.
Coprire con la ciotola che abbiamo già usato e far lievitare un paio di ore sulla spianatoia. 
Schiacciare ora l'impasto con leggermente con le dita e aiutandoci col tarocco infarinato tagliamo prima delle strisce di pasta e da queste dei tocchetti di pasta che saranno le nostre ciabattine.
Sistemarle in una teglia ricoperta di carta forno piuttosto larghe fra loro. Far lievitare ancora un'oretta nel forno spento.
Cuocere in forno già caldo a 220° con un tegamino pieno di acqua sul fondo per circa 25 minuti. 
Le ciabattine si devono dorare appena in superficie.

6 commenti:

  1. ti sono venute benissimo, complimenti !

    RispondiElimina
  2. Sono deliziose! E con quel prosciutto che fa capolino dalla foto devono essere squisite!

    RispondiElimina
  3. waw che belle! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  4. Belle e golosissime abbinate a quel prosciutto della foto . assolutamente da provare. Un abbraccio, Daniela.

    RispondiElimina
  5. io vado sempre alla ricerca di ricette con pasta madre e queste ciabattine sono assolutamente da fare. Grazie, un bacione.

    RispondiElimina
  6. Ti sono venute benissimo. Ricordo un'amica di mia madre che utilizzava sempre la pasta di riporto per i suoi lievitati.

    RispondiElimina

Lasciami il tuo parere, mi farà piacere sapere cosa pensi ...
Chiedi pure quello che vuoi e sarò felicissima di risponderti!

Condividi

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...