26 gennaio 2015

CALZONE DI CIPOLLA PICCANTE - VARIAZIONE SUL TEMA

Il calzone di cipolla è una preparazione tipica che ha diverse varianti fermo restante lo stufato di cipolla più o meno arricchito con ingredienti vari. 
Io normalmente lo gradisco con lo stufato di cipolla e un po' di ricotta forte. Certo si può variare il tipo di cipolla usata per fare lo stufato e vi garantisco che il sapore cambia. Forse chi non lo mangia da una vita non coglierebbe le differenze, ma vi garantisco che ci sono. A Bari solitamente si fa con le sponsali, delle cipolle lunghe e tenere tipiche nostre. Sono simili ai porri nell'aspetto, ma molto più sottili e dal gusto completamente diverso. A me il calzone piace con la cipolla di Acquaviva, presidio Slow Food che si coltiva solo nel territorio di Questo paese a circa 30 km da Bari. E' una cipolla molto dolce, e tenera, ottima pure mangiata cruda in insalata o per arricchire altri piatti. La sua caratteristica è di avere una pezzatura da circa 500 g l'una. A casa avevo trovato un vasetto di una crema di 'nduja con cipolla rossa di Tropea di Delizie Vaticane e quindi subito mi è venuto in mente di unire nuovamente i sapori tipici delle due regioni per preparare un piatto appulo calabrese. Non mi è restato che mettermi all'opera per fare un calzone di cipolla arricchito da questa crema piccantina. Il risultato è stato sorprendente, un calzone saporito, profumato e piccante.

CALZONE DI CIPOLLA PICCANTE

INGREDIENTI:
  • 2 dischi di pasta frolla salata (per la ricetta vedi qui)

(per il ripieno)
  • 1,5 kg di cipolle di Acquaviva
  • qualche pomodoro datterino o ciliegino
  • 1 vasetto di 5 sfizi Cipolla e 'Nduja Delizie Vaticane
  • 4 cucchiai di olio evo + quello da mettere sul fondo della teglia e sul calzone
  • sale q.b.
PREPARAZIONE:

Sbucciare le cipolle, affettarle sottili e lasciarle in ammollo in acqua per circa mezz'ora. Mettere l'olio in una padella (Illa) antiaderente insieme alle cipolle sgocciolate, regolare di sale, coprire e far stufare a fiamma bassissima fino a quando le cipolle diventeranno tipo crema. A metà cottura circa aggiungere i pomodori tagliati a pezzetti. Quando lo stufato è pronto farlo raffreddare. Aggiungere ora la crema di cipolla e 'nduja e mescolare bene. 
Mettere abbondante olio sul fondo di una teglia da 30 cm di diametro e adagiarvi uno dei dischi di pasta facendo sporgere i bordi oltre la teglia.
Distribuire il ripieno in modo uniforme su tutta la sfoglia. Ricoprire con l'altra sfoglia sigillando bene i bordi delle due sfoglie tra loro. Ungere generosamente la superficie del calzone distribuendo l'olio con le mani. Bucherellare la superficie con i rebbi di una forchetta per evitare che il calzone in cottura si gonfi. 
Cuocere in forno a 220° per circa 30 minuti. A cottura ultimata la superficie dovrà essere dorata. Servire freddo. Il giorno dopo è anche più buono.

9 commenti:

  1. Davvero sfiziosa la tua variazione sul tema , idea perfetta per un finger food. Un abbraccio, buona giornata Daniela.

    RispondiElimina
  2. quanto è sfiziose questa variazione di calzone! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  3. mi trasferirei da te, adoro la tua cucina saporita!

    RispondiElimina
  4. Questa ricetta è goduria allo stato puro ;)

    RispondiElimina
  5. Una variazione golosissima! Un bacio

    RispondiElimina
  6. uno stuzzichino super e da calabrese non posso che dirti bravissima!!!

    RispondiElimina
  7. una variazione davvero golosissma, io adoro sia la cipolla che il piccante ^_^

    RispondiElimina
  8. Veramente una variante interessante!!!!! Preparerò questa prelibatezza a mio figlio!

    RispondiElimina

Lasciami il tuo parere, mi farà piacere sapere cosa pensi ...
Chiedi pure quello che vuoi e sarò felicissima di risponderti!

Condividi

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...