14 dicembre 2012

RICETTA PETTOLE o, alla barese, POPIZZE!

Le pettole sono delle semplici frittelle di pasta lievitata molto molle che dalle mie parti si fanno tipicamente per la vigilia dell'Immacolata. Lo so di essere in ritardo, ma in tutto il periodo natalizio vanno benissimo, anche la sera della vigilia di Natale possono servire da antipasto o servire per accompagnare tutta la cena, perchè da noi si fa il cenone la vigilia di Natale.

PETTOLE o, alla barese, POPIZZE

INGREDIENTI:
  • 700 g di farina biologica 0 
  • 500 ml di acqua tiepida
  • 150 g di lievito madre (in alternativa 25 g di lievito di birra)
  • 2 cucchiaini di sale fino
  • olio di semi di arachide o girasole per friggere
PREPARAZIONE:

Mettere il lievito in una ciotola e scioglierlo con una parte dell'acqua tiepida. Aggiungere la farina e iniziare ad impastare, aggiungere ora anche il sale e impastare cercando di fare incorporare aria all'impasto, versare la restante acqua e lavorare per almeno 15 minuti, lavorando con la mano con un movimento rotatorio dal basso verso l'alto. Coprire la ciotola con la pellicola e far lievitare in luogo caldo per 5 ore. 
Far riscaldare olio abbondante e aiutandosi con due cucchiai prendere dei pezzi di pasta grandi quanto una noce e versarli nell'olio ben caldo, si gonfieranno all'istante. Girarli spesso finchè non saranno ben dorate da tutti lati.
Le pettole, se fatte bene, non assorbono olio e risulteranno molto leggere. Si mangiano accompagnate da salumi, formaggi, la tradizionale ricotta forte o quel che più piace. Se si è golosi si possono anche rotolare nello zucchero semolato appena scolati dall'olio oppure accompagnare con marmellate e creme dolci.

33 commenti:

  1. Non le ho mai assaggiate e mi incuriosiscono molto. Grazie cara.. ti abbraccio <3

    RispondiElimina
  2. Ecco finalmente la ricetta!!!! Suor Antonietta di origini pugliesi, ci preparava le pettole ogni anno ed erano buonissime ma non mi sapeva dare la ricetta!

    RispondiElimina
  3. Buonissime, una tira l'altra, grazie della ricetta, me la segno!!! Ciao, un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo sono davvero una tira l'altra!

      Elimina
  4. Mi hai fatto tornare in mente le frittelline che faceva la nonna con gli avanzi di pasta lievitata del pane! Un bacio, buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi fa piacere aver suscitato ricordi...

      Elimina
  5. Buonissime, calde mi fanno impazzire!!! Ciao.

    RispondiElimina
  6. all'inizio pensavo a qualcosa di dolce, forse tratta in inganno dalla parola frittella, e invece sono delle buonissime golosità salate che apprezzo molto di più!!! Credo che quando le prepari ne devi fare in quantità industriale perchè finiscono subito, un bacione e buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ne faccio sempre tante e finisco subito lo stesso!

      Elimina
  7. le conoscoooooooo :-D che buone che sono!!!un abbraccio, Ros

    RispondiElimina
  8. Le conosco, le ho provate una sola volta erano buonissime, grazie per la ricetta. Buona giornata Daniela.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e non è arrivato il momento di farle una seconda volta?

      Elimina
  9. Le prepara sempre la mia vicina di casa!!! Bontà unica!!!! :)
    Un bacio!!!

    RispondiElimina
  10. proverò a farle anche io con la PM complimenti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. penso si possano fare lo stesso!

      Elimina
  11. io coi dolci non ci vado d'accordo, ma sono davvero golose!!! un bacio

    RispondiElimina
  12. che bell'impasto che si può mangiare sia con il salato che con il dolce, non le avevo mai sentite, da provare, quando mi inviti???
    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quando vieni da queste parti te le faccio!

      Elimina
  13. Che bello vedere le ricette tipiche di carnevale! (e non solo)

    Bravissima!

    RispondiElimina
  14. che tentazione ! Buona domenica, un abbraccio !

    RispondiElimina
  15. Maria Antonietta09:09

    Buonissime... ma sai x caso quelle con l'aggiunta di acciuga o cldi baccalà quando e come si mettono?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'acciuga la devi mettere all'interno della pasta che prendi col cucchiaio prima di farlo cadere nell'olio, mentre il baccalà lo devi sbriciolare e aggiungere all'impasto, mescoli e poi friggi come per quelle vuote.

      Elimina
  16. Ciao.Premetto:chiedo per imparare.Per san Martino devo fare le pettole col tuo impasto, c'è però un passaggio che non mi torna e vorrei, cortesemente , spiegazione.Dici di tenere in lievitazione per 5 ore al caldo.Ma non è assai il tempo? Sapevo che l'eccessiva lievitazione, ossia quando si prosegue oltre il raddoppio dell'impasto, pregiudica poi il risultato finale.E' sbagliato quello che so?Aspetto la tua rispposta, san Martino si avvicina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella ricetta parlo di 5 ore di lievitazione perchè ho usato il lievito madre e i tempi di lievitazione sono molto più lunghi, se usi il lievito di birra fai lievitare fino al raddoppio.

      Elimina
    2. ah, ecco, temevo che avessi pensato sempre in modo sbagliato, è giusto allora.Mi hai tranquillizzata.Purtroppo non ho il LM ma c'è l'intenzione di procurarmelo ciao e grazie.

      Elimina

Lasciami il tuo parere, mi farà piacere sapere cosa pensi ...
Chiedi pure quello che vuoi e sarò felicissima di risponderti!

Condividi

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...